cerca artista

News: Highlights

Date: 22/10/2013

View of the Aniene with Cervara di Roma on the back

Martin Verstappen (Anversa 1773 – Roma 1853)

View of the Aniene with Cervara di Roma on the back

Tecnica: olio su tela

Misure: cm: 100 x 136

Note: Iscritto sul telaio: “Fluss Anienen 1818

Provenienza: collezione privata

Musei: Opere di Verstappen sono conservate tra l'altro presso l'Historische Museum di Francoforte, l'Istituto Olandese di Roma, il Thorvaldsens Museum di Copenaghen

Bibliografia: La pittura di paesaggio in Italia. L'Ottocento, a cura di C.Sisi, Milano 2003, ad vocem, con bibliografia precedente.

Ambientato nella verdeggiante valle dell'Aniene, come specificato dal titolo al retro, questo dipinto raffigura una serena tranche de vie pastorale ripresa dal vero. Tra le quinte arboree frondose il pittore Martin Verstappen descrive il riposo e i giochi degli animali in primo piano, sorvegliati dai pastori sullo sfondo, mentre la suggestiva Cervara di Roma è ben visibile al centro della composizione. Da sottolineare immediatamente la resa neo-fiamminga di ogni particolare - dal pelo degli animali alle foglie della vegetazione - ma anche la dorata luce cristallina che inonda tutta la composizione. Il primo elemento deriva chiaramente dal paese natio del pittore – e dagli studi compiuti in gioventù sui testi pittorici del Seicento olandese – mentre il secondo testimonia la scrupolosa riflessione sulle opere di Claude Lorrain.

Verstappen giunse a Roma nel 1804 e già dieci anni dopo è ricordato tra i paesaggisti più importanti e richiesti (G.Tambroni, Cenno intorno allo stato attuale delle belle arti in Roma, 1814) mentre nel 1813 è nominato accademico di merito dell'Accademia di San Luca e tra i suoi committenti può annoverare Bertel Thorvaldsen e Antonio Canova. Il pittore di Anversa si inserì perfettamente nell'atmosfera di cambiamento che stava attraversando la pittura di paesaggio del primo Ottocento a Roma: in breve tempo una compagine di maestri stranieri e italiani – da Verstappen a Hendrick Voogdt, da Abraham Teerlinck a Giovan Battista Bassi – contribuì in maniera determinante all'affermarsi di un paesaggismo si di impronta classicista, ma libero dalle rigidità settecentesche grazie a una maggiore aderenza al dato reale.

Tra gli allievi di Verstappen in quegli anni anche Massimo Taparelli D'Azeglio che nelle sue memorie ci testimonia il “metodo di lavoro” della scuola del suo maestro:

Dipingevo dal vero in tele di bastante grandezza, cercando di terminare lo studio, o quadro, sul posto, senza aggiungere una pennellata a casa. Studiavo in dimensioni minori, pezzi staccati, sempre ingegnandomi di finire più che potevo” (M.D'Azeglio, I miei ricordi, Firenze 1867, p. 386)

Quindi alla base della pittura di paesaggio rinnovata c'è lo studio indefesso del “Vero”, riprodotto con fedeltà in ogni particolare come ben si evidenzia in questa Veduta della valle dell'Aniene, ma questo studio viene poi ricomposto da determinate regole sintattiche - le due quinte arboree ai lati o il lento digradare verso lo sfondo al centro della composizione – e da un rigore compositivo che suggella l'intervento dell'intelletto dell'artista sul bello della Natura.

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.it - Website: www.maestrionline.it
Antichità Rinascimento s.n.c.
Location: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - VAT: 06383751002
Copyright © 2015 Antichità Rinascimento s.n.c.